venerdì 11 marzo 2016

iL MiO GATTO FA "TiN TiN".


Come promesso, ecco per voi il sonaglino a forma di micio!

L'ho creato con la tecnica degli amigurumi, ispirandomi ad un progetto pubblicato sulla rivista Facilmente Uncinetto.
E' alto circa 8.0 cm, i dettagli del musetto sono interamente ricamati a mano, ed è realizzato con un filo 80% Lana Vergine Merino Extrafine 20% Acrilico. Riproduce un gattino morbido morbido da stringere a da coccolare che suona con un delizioso tintinnio quando viene agitato. 
Le fattezze riprendono quelle del Cappellino abbinato, così da creare una vera gang di mici combina guai.  =D

La prossima volta vi mostrerò un nuovo schema per eseguire un amigurumi davvero carino; nel frattempo auguro a tutti voi un buon fine settimana!

mercoledì 9 marzo 2016

"FACCiAMO CHE iO ERO UN MiCiNO..."


Il cappellino che accompagna i bambini nei loro fantastici giochi.

Come per il Cappellino Orsetto, anche questo è lavorato all'uncinetto e i dettagli di occhi, naso e bocca sono ricamati interamente a mano. Ho usato un ottimo filato 80% Lana Vergine Merino Extrafine, 20% Acrilico di colore sfumato dal bianco al grigio per creare un effetto tigrato da vero micio selvatico! =D

Carinissimo indossato da neonati e da bambini che, come piccoli cuccioli, ci conquisteranno a suon di fusa!

Scopri il Sonaglino abbinato!

sabato 5 marzo 2016

"FACCiAMO CHE iO ERO UN ORSACCHiOTTO..."



Il cappellino che accompagna i bambini nei loro fantastici giochi.

La lavorazione è all'uncinetto e i dettagli di occhi, naso e bocca sono interamente ricamati a mano. Per creare il cappellino ho seguito lo schema pubblicato sull'Ottantatreesimo numero della rivista Facilmente Uncinetto, e ho usato un ottimo filato di colore mélange nelle tonalità che vanno dal beige, al color senape e al color nocciola.



Il filo è di Caldo Cotone 50% Lana Vergine Merino Extrafine, 50% Cotone Egitto Makò, specifico per neonati e bambini; consente, infatti, una lavorazione all'uncinetto molto morbida, mantiene caldi e nello stesso tempo non causa fastidiosi pruriti o rossori, dando invece la sensazione di essere avvolti da un tenero abbraccio. 

E chi meglio di un orsetto può dispensare morbidi abbracci? =D


mercoledì 24 febbraio 2016

CAPPELLi E CAPPELLiNi...

...tanti colori e abbinamenti originali.


Ritornano i Cappellini Zig Zag, unici e divertenti che danno un tocco di singolare eleganza al tuo stile abituale. 

Li propongo abbinati ai Guantini Scaldamani, accessori particolarissimi nella loro fattura grazie al morbido volant e al motivo a noccioline in rilievo. Indossati insieme diventano una ricercata alternativa al solito completo quotidiano che vi scalda nelle giornate più fredde.


Il Cappellino Zig Zag diventa, invece, più sportivo e divertente se indossato insieme ai Guantini Fiore d'Inverno e ai Guantini Julia, dal design più semplice ma sempre curati nei dettagli: un fiorellino applicato con una perlina centrale, pippiolini ed archetti a definire il margine superiore.



Se invece, vi piace stupire, ecco il Cappellino Zig Zag con un aspetto più insolito, ed elegantemente stravagante realizzato con un filato sfumato dal celeste chiaro, all'azzurro, al verde acqua, alternato ad archetti di colore verde petrolio.


lunedì 3 marzo 2014

DELONiX REGiA: SEMiNA E GERMiNAZiONE

Ricordate i semini ottenuti grazie ad uno scambio botanico sul web?
Ebbene, si sono tramutati in delle bellissime piantine di Delonix Regia, meglio conosciuta come l'Albero di Fuoco.


Vediamo insieme come ottenere la pianta da seme.

  • Il periodo più indicato per la semina è durante la stagione primaverile o autunnale. Io ho interrato i miei nove semi ad Ottobre, e di questi ne sono germinati sei. Con esemplari piantati in piena terra si può assistere alla caratteristica fioritura rosso-arancio nel periodo primaverile, quando l'albero si carica di bellissimi fiori dallo spettacolare effetto cromatico che fa meritare alla Delonix Regia il nome comune di Albero di Fuoco. Per le piante coltivate in vaso, invece, la fioritura è un evento assai difficile da verificarsi e con un pò di fortuna si può assistere allo sbocciare dei primi fiori dopo una decina d'anni. Io attendo fiduciosa, e confido nelle mie giovani piantine qui mostrate in una foto di gruppo.


  • Altra cosa importante da sapere è che questa pianta è di origini africane, quindi necessita di una esposizione a sud per ricevere una irradiazione diretta dei raggi solari per diverse ore della giornata.
  • I suoi semi sono protetti da un rigido tegumento che li rende impermeabili all'acqua, quindi per poter ottenere una più rapida germinazione è necessario procedere con la scarificazione. Con questo termine difficile, in realtà, si indica un procedimento molto semplice con il quale si va a consumare la pellicola protettiva esterna per favorire l'ingresso dell'acqua all'interno del seme. Quindi, scorticate molto delicatamente con un taglierino la cuticola situata solo lungo i bordi del seme, facendo molta attenzione a non danneggiare i tessuti interni e i due apici da cui germineranno il fusto e le radici. 


  • A questo punto mettete i vostri semi in acqua e conservateli lì per 24 ore circa: è questa la fase di imbibizione in cui il seme si idrata e si prepara per la germinazione. Non appena i semi avranno raddoppiato la loro dimensione e avranno mutato il loro colore da marrone scuro in rosso vinaccio, potrete interrarli.


Non aggiungete concimi, teneteli in pieno sole e innaffiateli senza eccedere. Quando nasceranno le vostre dicotiledoni vedrete che sarà una grande soddisfazione!


Avevate mai sentito parlare dell'Albero di Fuoco?

Io conosco questa pianta da poco tempo e, prima o poi, spero di riuscirla a vedere fiorita perchè a dire di tutti è un'immagine spettacolare.

E voi pollici verdi ne avete mai coltivata una? 
Avete qualche dritta da darmi per far crescere al meglio la mia Delonix Regia?

Alcune fonti: 
www.pollicegreen.com
www.giardinaggio.it 

sabato 22 febbraio 2014

SWEET SQUEAK

Teneri amigurumi !


Ho realizzato questi due dolcissimi topini seguendo lo schema, pubblicato da Elynetta, in cui è illustrato molto chiaramente e in lingua italiana, come procedere.
Misurano 5,00 cm di lunghezza, senza la codina; sono piccoli e morbidi morbidi, realizzati con uncinetto 3.5 e filati di lana merinos di medio spessore nei colori panna e corda. Gli occhietti e i nasini sono ricamati a mano: io preferisco farli così invece di usare quelli in plastica, perchè, anche se imperfetti, mi sembra che diano al pupazzetto più espressività e personalità.


La realizzazione dell'amigurumi parte dal naso e termina con la coda. Nello schema viene indicato di incominciare il lavoro partendo con 2 catenelle per poi proseguire con la lavorazione a spirale; io invece ho preferito iniziare lavorando 6 maglie basse nel cerchio magico per poi proseguire seguendo passo passo lo schema. In questo modo si riesce a chiudere il più possibile il foro che si crea all'inizio della lavorazione.

Create anche voi i vostri piccoli roditori, 
e se avete bisogno di aiuto, contattatemi pure!

lunedì 17 febbraio 2014

i MiEi TUTORiAL PER iL "DiY CREATiVY"

Quale sarà il tutorial più creativo?

Questo è il tema del contest organizzato da Rosa del blog Kreattiva. Io ho deciso di parteciparvi presentando questi miei progetti: 

"Fiore Chiudipacco"         
                





Che dite, riuscirò ad aggiudicarmi il bellissimo premio? Se volete partecipare anche voi, avete tempo fino al 21 Marzo per iscrivervi!

 Visita "Diy Creativy" !

Buona Creatività a tutti!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...